ARCHIVIO – Festival “Musica sull’Acqua”: nel weekend la musica di Fauré e le improvvisazioni del clarinettista Dressler

0

COLICO – La musica di Fauré con il concerto di Senese e Gallo e le improvvisazioni del clarinettista Anton Dressler. Doppio appuntamento nel weekend con il Festival Internazionale Musica sull’Acqua, la kermesse ideata e diretta dal violinista Francesco Senese e che in queste settimane sta portando la musica classica in luoghi suggestivi dell’alto lago. Due, quindi, i concerti in arrivo, rispettivamente in programma per sabato 14 a Gravedona e domenica 15 luglio a Colico.

Francesco Senese

È forse il luogo più suggestivo di tutto il Lago di Como e ospiterà il concerto del direttore artistico del festival e del pianista André Gallo. Stiamo parlando della meraviglia romanica di Santa Maria del Tiglio, a Gravedona, scenario perfetto per un’esibizione dedicata alla musica raffinata di Gabriel Fauré. In programma alle 22.30, il concerto notturno vedrà il violinista membro dell’Orchestra Mozart e della Lucerne Festival Orchestra suonare accanto al pianista André Gallo, appassionato interprete della musica del Novecento francese.

André Gallo

In scaletta l’integrale della musica di Gabriel Fauré per violino e pianoforte, recentemente incisa in CD dai due musicisti per la rivista Amadeus e di cui sarà fatta una breve presentazione prima dell’esibizione, a cura di Andrea Milanesi. «Il concerto – spiegano dall’organizzazione – sarà un viaggio musicale alla scoperta della continua ricerca espressiva di Fauré, della sua varietà di linguaggio, la scrittura raffinata, timbri e colori dei due strumenti che si intrecciano in un continuo fluire. Una nuova lettura da parte di Senese e Gallo che valorizza queste pagine musicali, parte della produzione cameristica francese a cavallo fra i due secoli, di cui Fauré è stato fra i principali e più rappresentativi esponenti». Nello specifico si spazierà dalla Prima Sonata in la maggiore op. 13 del 1875 alla Seconda Sonata in mi minore op. 108 del 1916, passando per tre pezzi più brevi che sono la Berceuse in re maggiore op. 16, Romance in si bemolle op. 28 e l’Andante in si bemolle maggiore op. 75.

Completamente diverso, invece, l’appuntamento previsto per domenica 15 a Colico, quando sarà la volta del secondo appuntamento dei Caffè del Festival (all’Hotel Risi di Colico, alle 18.30). Al centro della serata sarà il clarinetto di Anton Dressler, in uno spettacolo dove la grande protagonista sarà l’improvvisazione.  Musicista di fama internazionale, con l’impiego di live electronics il clarinettista ha spinto il suo strumento verso nuovi confini e ha sviluppato programmi innovativi. Dressler si è esibito in tutta Europa, Israele, Usa e Taiwan, suonando con Misha Maisky, Jean-Yves Thibaudet, Julian Rachlin, Boris Petrushansky, Itamar Golan, Bruno Canino, Pavel Vernikov, Moni Ovadia, Ingrid Fliter e collaborando con ensemble come il Quartetto Szymanowsky, il Giovane Quartetto Italiano, il Quartetto di S. Pietroburgo, la Piccola Sinfonica di Milano e l’Orchestra da Camera di Mosca. Come primo clarinetto, Dressler suona con I Pomeriggi Musicali, l’Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, l’Orchestra da Camera di Mantova e l’Orchestra Sinfonica di Savona. Il musicista è infine uno dei fondatori del gruppo da camera Kaleido Ensemble e partecipa a progetti di musica crossover e klezmer.

INFORMAZIONI – I biglietti costano 20 euro (ridotto 15), l’ingresso è invece libero per gli appuntamenti dei Caffè del Festival.

Share.

L'autore di questo articolo