ARCHIVIO – Cineteatro Palladium: tutti i titoli del cineforum del giovedì

0

LECCO – L’autunno è ormai arrivato e con lui, come ogni anno, è tempo di scegliere a quale cineforum abbonarsi. Dopo aver definitivamente detto addio all’appuntamento del giovedì sera con la rassegna del Cinema Nuovo, che ha chiuso le sue porte al termine della scorsa stagione (qui l’articolo), la città di Lecco si riorganizza, o meglio, l’unica sala ancora attiva, quella del Cineteatro Palladium, raccoglie l’eredità lasciata dal Nuovo e lancia una nuova rassegna del giovedì sera, per non lasciare la città senza il suo appuntamento fisso con il cinema. Una bella iniziativa, che ci conforta e ci ridà speranza, perché lo sappiamo tutti: una città che si rispetti non può e non deve rinunciare al grande schermo. E così, a partire dal 2 di ottobre, ecco un nuovo cineforum, che si affiancherà a quello in programma al Cenacolo Francescano, pronto ad accompagnarci sino al mese di dicembre: dieci titoli di qualità per due mesi di proiezioni.

Ecco di seguito, quindi, tutti i film in calendario:

"Father and son"

“Father and son”

Giovedì 2 ottobre: Father and Son, del regista giapponese Hirokazu Kore-eda (2013), vincitore del Premio della Giuria al Festival di Cannes 2013. Un padre scopre che il figlio che ha cresciuto è stato in realtà scambiato alla nascita con il figlio biologico. Un errore che porterà il protagonista, inizialmente avido si successo, a prendere una decisione cruciale…

Giovedì 9 ottobre: Still Life, di Uberto Pasolini (2013). Diligente e premuroso, il solitario John May è un impiegato del Comune incaricato di trovare il parente più prossimo di coloro che sono morti da soli. Quando il suo reparto viene ridimensionato a causa della crisi economica, John dedica tutti i suoi sforzi al suo ultimo caso, che lo porterà a compiere un viaggio liberatorio e gli permetterà di iniziare ad aprirsi alla vita.

"Monuments Men"

“Monuments Men”

Giovedì 16 ottobre: Monuments Men, di George Clooney (2014). Basato sulla storia vera del più grande saccheggio di opere d’arte della storia, racconta le avventure di un plotone reclutato dall’esercito americano durante la Seconda Guerra Mondiale e spedito in Germania per salvare i capolavori d’arte…

Giovedì 23 ottobre: Walesa. L’uomo della speranza, di Andrzej Wajda (2013). Il regista polacco penetra nel privato del leader di Solidarność nonché presidente dopo il crollo del regime comunista polacco per cercare di cogliere il fenomeno della sua metamorfosi da semplice operaio a leader carismatico.

Giovedì 30 ottobre: Locke, di Steven Knight (2014). Ivan Locke ha lavorato per costruirsi la sua vita. Una vita che, improvvisamente, sembra crollare. Alla vigilia della sfida più grande di tutta la sua carriera, Ivan riceve una telefonata che scatenerà una serie di eventi dagli effetti catastrofici…

"Walesa"

“Walesa”

Giovedì 6 novembre: Zoran. Il mio nipote scemo, di Matteo Oleotto (2013). L’oziosa e pigra routine di Paolo Bressan, uomo cinico, beone e bugiardo, viene interrotta da un ospite inatteso: Zoran, un nipote da una lontana zia slovena a cui dovrà dare ospitalità. Ben presto scopre che è dotato di talento raro con le freccette: fa sempre centro. Perché non iscriverlo al campionato mondiale per incassare il premio di sessantamila euro? Ma gli imprevisti sono in agguato…

Giovedì 13 novembre: Promised Land, di Gus Van Sant (2012). Steve Butler è un abile venditore di una grande corporation che, con la collega Sue Thomason, viene inviato in una piccola cittadina rurale del cui territorio deve acquisire i diritti di trivellazione. La comunità, dapprima bendisposta, sarà attraversata da un movimento popolare guidato da un rispettato insegnate, che complicherà i piani di Steve…

Giovedì 20 novembre: The Spirit of ’45, di Ken Loach (2013). Lo spirito del ’45, in Gran Bretagna, è un moto di solidarietà nato dalle macerie del secondo conflitto mondiale. Un desiderio di condivisione, di mutuo soccorso, di costruzione di una società migliore. Grazie a filmati tratti dagli archivi regionali e nazionali, registrazioni sonore e interviste dell’epoca, Loach racconta di quello spirito e tesse un racconto ricco, come sempre, di contenuti politici e sociali.

"No. I giorni dell'arcobaleno"

“No. I giorni dell’arcobaleno”

Giovedì 27 novembre: Noi 4, di Francesco Bruni (2014). Il 13 giugno 2013 è una giornata qualsiasi, ma è anche una giornata diversa da tutte le altre: Giacomo, il figlio più piccolo di Ettore e Lara, ha gli orali degli esami di terza media. Se fosse un’altra famiglia, questa sarebbe l’occasione per stare tutti insieme a incoraggiare e sostenere il ragazzino. Non è il caso, però, di questa famiglia…

Giovedì 4 dicembre: No. I giorni dell’arcobaleno, di Pablo Larraín (2012). Siamo in Cile ed è il 1988 quando Pinochet, sotto l’onda della pressione popolare, è costretto a indire un referendum affinché i cileni possano decidere se affidargli o meno altri otto anni di potere. Con pochissimi mezzi Renè Saavedra concepirà un ambizioso progetto per vincere le elezioni e liberare il suo Paese dall’oppressione.

Tutte le proiezioni avranno inizio alle 21. Tessera da dieci film: 30 euro; ingresso singolo: 5 euro. Biglietti in prevendita presso la cassa del Cineteatro. Info: www.cinemapalladium.com

Share.

L'autore di questo articolo