ARCHIVIO – Dalla poesia al lavoro contemporaneo:
gli appuntamenti di mercoledì e giovedì con “L’Ultima Luna d’Estate”

0

LA VALLETTA BRIANZA – La poesia, con un omaggio a Pier Paolo Pasolini e un originale menu poetico da gustare a tavola, e uno spettacolo che porta in scena le difficoltà lavorative nella società contemporanea e i conflitti generazionali che se conseguono. Prosegue così, con gli appuntamenti di mercoledì 4 e giovedì 5 settembre, il festival LUltima Luna D’Estate, la rassegna di teatro popolare di ricerca organizzata da Teatro Invito e dal Consorzio Brianteo Villa Greppi e in programma sino all’8 settembre 2019 nel Parco del Curone e sulle colline della Brianza. Tre nuovi spettacoli, quindi, che questa volta possono contare su location come  l’Oasi WWF Galbusera Bianca e la Galbusera Nera de La Valletta Brianza e il Monastero della Misericordia di Missaglia.

Il primo appuntamento in programma è l’omaggio poetico a Pasolini. Fissato per mercoledì 4 settembre alle 18.30 presso la Galbusera Bianca di La Valletta Brianza, Dove sono le lucciole è uno spettacolo itinerante in forma di studio di Luca Radaelli e con Stefano Bresciani e Fabio Scaramucci: «un viaggio alla ricerca del mondo di Pasolini e del suo rapporto con la natura – spiegano da Teatro Invito – simboleggiato dalle lucciole, ma anche della sua visione del mondo, sempre vicina agli ultimi della terra, dai borgatari romani, ai poliziotti figli del popolo, a quegli abitanti del terzo mondo che in una visione profetica preconizzò si sarebbero riversati sulle nostre coste».

Si prosegue in serata (alle 21) nel Monastero della Misericordia di Missaglia con Piccola società disoccupata, portato in scena da ACTI Teatro Indipendente. Al centro dello spettacolo (tratto dai testi di uno dei più interessanti drammaturghi europei contemporanei, il francese Remì de Vos) l’attuale mondo del lavoro e il conflitto generazionale nell’affrontare le trasformazioni nei rapporti di lavoro. In scena tre attori (Ture Magro, Barbara Mazzi e Beppe Rosso) di diversa generazione che interpretano diversi ruoli e che si scontrano in una lotta tutti contro tutti per trovare o conservare il posto di lavoro: uomini in grado di creare una piccola società disoccupata nella quale dare forma a uno scontro senza esclusione di colpi, ma in cui non mancano slanci d’amore e momenti di grande illusione.

Valeria Perdonò – foto di Laila Pozzo

Si torna a La Valetta Brianza giovedì 5 alle 18.30, questa volta alla Galbusera Nera, nel cuore del Parco Naturale di Montevecchia e della Valle del Curone. Al centro della serata la performance teatrale Il Menù della Poesia, dove gli attori Valeria Perdonò e Vincenzo Zampa indossano i panni di due camerieri che offrono ai presenti una selezione di poesie di autori noti, che i commensali potranno scegliere da un vero e proprio menù poetico. Una volta selezionata la poesia, questa verrà servita, recitata dagli attori direttamente al tavolo. Uno spettacolo/aperitivo all’interno del quale sarà il pubblico, qui coinvolto in un gioco interattivo, a creare la performance, partecipando a un’esperienza sensoriale e culturale. L’aperitivo inserito nello spettacolo costa 15 euro e la prenotazione è obbligatoria.

BIGLIETTI E PRENOTAZIONI – Spettacoli serali 13 euro (ridotti 10 euro); spettacoli per bambini 5 euro; Abbonamento Luna piena 90 euro; 3 spettacoli a scelta 27 euro; 2 spettacoli a scelta 20 euro; aperitivi teatrali 15 euro. Il Flâneur è media partner del festival. Per prenotazioni: 346.5781822; segreteria@teatroinvito.it.

Share.

L'autore di questo articolo