ARCHIVIO – “I luoghi dell’Adda” porta nel Convento di Santa Maria la Vite di Olginate “Soldato mulo va alla guerra”, spettacolo di Teatro degli Acerbi

0

OLGIATE – Una riflessione sulla guerra e la sua crudezza ma anche sulla fede, prima forte e poi, dinanzi allo scempio della Grande Guerra, traballante. Lo spettacolo Soldato mulo va alla guerra di Teatro degli Acerbi è questo: una pièce che partendo da un contesto storico determinato approda, un passo alla volta, a considerazioni esistenziali e spirituali. La rassegna I luoghi dell’Adda fa tappa, per questo spettacolo, nel suggestivo contesto del Convento di Santa Maria la Vite di Olginate: un appuntamento che è il penultimo di dell’edizione 2018 della kermesse organizzata da Teatro Invito e che è in programma per venerdì 6 luglio, a partire dalle 21.15. Protagonista l’attore Massimo Barbero, diretto da Patrizia Camatel in un testo scritto dalla stessa regista e arricchito dalla consulenza storica di Nicoletta Fasano e Mario Renosio.

Al centro della vicenda narrata Giuseppe Zabert, figlio di mezzadri dalla vocazione al sacerdozio, chiamato insieme ad altri dieci tra fratelli e cugini a servire la Patria al fronte. Una chiamata che lo raggiunge persino in seminario: «dovrà confrontarsi anche lui – spiegano dalla compagnia piemontese – con la disciplina militare, con condizioni di vita estreme, con il costante pensiero di morire o di dover uccidere». E poi, in quel contesto drammatico, la vicinanza con la mula Margherita, una sorta di alter ego animale che sarà lo stimolo a una riflessione sull’obbedienza e sul coraggio, sulla capacità di sacrificio, sull’insensatezza delle guerre.

Uno spettacolo che diverrà un susseguirsi di domande esistenziali: «dov’è – si legge nella presentazione – quel Dio, padre e onnipotente, che Giuseppe voleva servire per tutta la vita? Come continuare ad intravederlo in mezzo al continuo scempio di vite, al massacro delle creature, umane ed animali? E se l’uomo e l’umile mulo condividono la morte sui campi di battaglia, condivideranno pure la salvezza?».

INFORMAZIONI – L’ingesso è libero. Lo spettacolo sarà preceduto, alle 20, dalla visita guidata del Convento a cura dell’Associazione Santa Maria La Vite-Giuditta Podestà (costo 3 euro).

Share.

L'autore di questo articolo