ARCHIVIO – I luoghi dell’Adda: sabato “La Tregua”, storia di un’incredibile notte di Natale

0

IMBERSAGO – È la notte di Natale del 1914 e sul confine tra Francia e Belgio inglesi e tedeschi si preparano a trascorrere una nuova, lunga nottata al fronte, fermi nelle rispettive trincee, logorati da un’estenuante guerra di posizione. Poi, improvvisamente, un soldato tedesco intona Stille Nacht, ed ecco che il Natale diviene occasione per ricordarsi che la guerra divide senza motivo, che le divise catalogano gli esseri umani in schieramenti anche se, in fondo, si è tutti uguali.

treguaLa vicenda, realmente accaduta, diviene spunto per uno spettacolo teatrale, primo appuntamento con la rassegna I luoghi dell’Adda. Si tratta di 1914 La Tregua, pièce dell’Associazione culturale Anfiteatro di Seregno che sabato 23 maggio alle 21 andrà in scena a Imbersago, in Piazza Garibaldi. Uno spettacolo scritto e diretto da Pino Di Bello, interpretato da Marco Continanza.

La Tregua, quindi, un fatto storico che, come anticipavamo, durante la prima notte di Natale del conflitto durato quattro anni ha, almeno per qualche ora, visto gli eserciti al fronte cessare le ostilità, scambiarsi gli auguri, socializzare. Il soldato tedesco intona il canto natalizio e questo canto “contagia” anche chi si trova nella trincea avversaria: «dapprima il silenzio lo circonda – si legge nella presentazione dello spettacolo – ma poi lo spirito, forse anche grazie al cognac recapitato coi pacchi natalizi, contagia i suoi commilitoni, e poi anche gli inglesi si uniscono al coro. Tutti cantano la stessa canzone e per qualche ora gli ordini di non familiarizzare col nemico vengono ignorati, si suona insieme, si parla, si mangia cioccolato e si fumano sigari, si gioca a pallone con le porte segnate da barelle ed elmetti, senza guardare alle uniformi. Natale è Natale». Sì, perché al canto insieme seguirà l’uscita dalle trincee: i soldati «si salutarono, si scambiarono dei doni, mostrarono le foto delle loro fidanzate, mogli, figli e madri, e seppellirono – concludono da Anfiteatro – i morti, e per loro suonarono le cornamuse».

INFO – Lo spettacolo è a ingresso libero e in caso di maltempo si terrà all’interno del teatro parrocchiale. La rappresentazione sarà preceduta, alle 20, dall’inaugurazione della mostra La libertà non è star sopra a un albero, allestita presso il Municipio di Imbersago. Una raccolta di documenti e testimonianze riguardanti il periodo della II Guerra Mondiale, con pagelle scolastiche dell’epoca fascista, cimeli e manifesti elettorali delle elezioni politiche del 1948.

Qui l’articolo sul festival I luoghi dell’Adda.

Share.

L'autore di questo articolo