Il Romanico lariano in mostra. All’Eremo del Monte Barro l’esposizione “Pietre color delle acque”

0

san pietro al monteLECCO – Un connubio di spiritualità, fascino e sobrietà. Il tutto immerso in paesaggi mozzafiato. È il Romanico lariano, declinazione comasca di quello stile architettonico che a partire dall’XI secolo si diffonde un po’ in tutta Europa, dando vita a un nuovo modo di intendere il rapporto tra uomo e Dio. Un rapporto secondo il quale all’uomo, essere razionale e intelligente, è lasciato il compito di modellare la materia donatagli dal Creatore sotto forma di natura, senza però cadere nell’errore di stravolgerla o nasconderla. A raccontare questo stile architettoniche e a svelarne i maggiori gioielli presenti sul territorio è la mostra Pietre color delle acque. Il Romanico del Lario, esposizione in passato ospitata nella Torre Viscontea di Lecco e che dal 9 settembre all’8 ottobre 2017 (inaugurazione sabato 9 alle 18) sarà visitabile nel Centro Turistico Culturale Eremo di Monte Barro.

pietre colore delleNata dall’omonimo libro di Angelo Sala (volume edito da Bellavite Editore che sarà presentato al pubblico alle 17 di sabato 9 settembre, appena prima dell’inaugurazione),  l’esposizione condurrà il visitatore in un percorso a tappe caratterizzato da sette aree tematiche. La terra degli Antelami, da Como all’Isola Comacina, l’Alto Lario, la sponda lecchese, Il triangolo lariano e Civate: queste le zone geografiche che saranno approfondite in un tour che metterà in luce i principali edifici romanici presenti in ciascuna area, i relativi cicli pittorici, apparati decorativi ed elementi scultorei, «senza perdere di vista – precisano dall’Eremo – il tema dell’inserimento dei monumenti romanici lariani nel paesaggio».

Sette itinerari autonomi, quindi: «una sorta di documentazione iconografica germinale – continuano – di una grande mostra diffusa naturalmente sul territorio. Arricchiscono l’esposizione due plastici rappresentanti il complesso di San Pietro al Monte di Civate, fornito dall’Associazione Amici di San Pietro al Monte, mentre un’area della mostra sarà dedicata a pannelli che illustrano la storia del Museo Archeologico del Barro (MAB)». Un museo, questo, che nei sottostanti Piani di Barra ha portato alla luce il più grande insediamento di epoca gota scavato in Italia e, più recentemente, l’area archeologica di Monte Castelletto, ancora in fase di studio.

INFORMAZIONI – Dal 9 settembre all’8 ottobre 2017, presso il Centro Turistico Culturale dell’Eremo – Eremo del Monte Barro, Galbiate (LC). Orari: Mercoledì dalle 14 alle 17, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17. L’ingresso è libero.

Share.

L'autore di questo articolo