Palazzo delle Paure di Lecco:
80 opere raccontano “La Scapigliatura. Una generazione contro”

0

LECCO – Un gruppo eterogeneo di letterati, artisti, musicisti, qui uniti dal desiderio di opporsi al gusto dominante e alla tradizione, dal desiderio di aprirsi – in un’Italia appena unificata – ai modelli europei, dalla volontà di difendere l’autonomia dell’arte, l’immediatezza d’espressione. Una battaglia antiborghese, anticonformista, capace di anticipare le avanguardie novecentesche e le scelte espressive dell’età contemporanea. Si tratta della Scapigliatura, movimento culturale nato in ambito letterario nell’Italia nella seconda metà del XIX secolo, presto approdato all’arte e oggi protagonista di una nuova esposizione lecchese.

Tranquillo Cremona, Le curiose, 1878 ca, acquerello ritoccato a guazzo, 50,4 x 32 cm, Codogno Fondazione Lamberti

Un percorso dal titolo La Scapigliatura. Una generazione contro e che attraverso 80 opere tra pitture e sculture intende proseguire l’indagine che il Comune di Lecco e il Sistema Museale Lecchese stanno conducendo sull’arte dell’Ottocento italiano. Dopo L’Ottocento lombardo e I Macchiaioli. Storia di una rivoluzione, dal 19 settembre 2020 al 10 gennaio 2021 Palazzo delle Paure di Lecco accoglie, infatti, un racconto a tutto tondo che a partire dalle arti visive approda alle altre forme espressive e che indaga il ruolo avuto dalla Scapigliatura nello sviluppo culturale del territorio lariano.

Curata dalla storica dell’arte Simona Bartolena e prodotta e realizzata da ViDi – Visit Different, l’esposizione raccoglie opere provenienti da musei pubblici e collezioni private e conta sulla presenza di alcuni dei maggiori esponenti di questo movimento, da Tranquillo Cremona a Daniele Ranzoni, passando per Giuseppe Grandi. Un percorso, questo lecchese, che di sala in sala mette in luce i diversi momenti e le differenti personalità che hanno caratterizzato la Scapigliatura, dalle origini del movimento pittorico – con opere, tra gli altri, di Giovanni Carnovali detto il Piccio e di Federico Faruffini – all’eredità di un’esperienza che condizionerà la ricerca di futuri divisionisti come Pellizza da Volpedo e Segantini. «Un complesso e suggestivo gioco di rimandi – come spiegano gli organizzatori – in un dialogo serrato, in cui i temi macabri e scuri della letteratura accompagnano, talvolta in sensibile contrasto, i toni lievi e fioriti della pittura e il realismo tematico della scultura, conducendo i visitatori nel clima tormentato e instabile di un movimento, nato e cresciuto tra Milano e Torino ma dalle attitudini internazionali».

Centrale nella mostra, come detto, anche l’impatto avuto dalla Scapigliatura sul territorio lecchese – in particolare grazie alle figure di Antonio Ghislanzoni e Amilcare Ponchielli – e comasco, con la presenza di Villa Pisani-Dossi dello scrittore Carlo Dossi (1849-1910), progettata dal pittore, incisore e architetto Luigi Conconi, di cui la mostra accoglie diverse opere.

Daniele Ranzoni La giovinetta inglese, 1886, olio su tela, 50 x 36, 5 cm, coll. priv

INFORMAZIONI –  LA SCAPIGLIATURA. Una generazione contro | Lecco, Palazzo delle Paure, 19 settembre 2020 – 10 gennaio 2021. Sul sito www.vidicultural.it è possibile scaricare l’audioguida (costo 1 euro), a cura di Simona Bartolena, propedeutica e di supporto alla visita. Ingresso: 8 euro intero, 6 euro ridotto. Orari:  mercoledì 14-18, giovedì e venerdì 10 -13 e 14-18, sabato e domenica 10-18. Gli accessi alla mostra saranno regolati in base alle vigenti norme anti Covid-19.

Share.

L'autore di questo articolo

Avatar