ARCHIVIO – Visite guidate, arte, teatro-danza e molto altro: per due domeniche Villa Greppi apre le porte al pubblico. Tutti gli appuntamenti

0

MONTICELLO BRIANZA – Ci saranno visite guidate sia alla Villa che al suo Parco, spettacoli di teatro-danza targati Caffeine e un susseguirsi di altri eventi culturali, dall’installazione artistica di un’opera di Roberto Picchi alla visita dell’atelier d’arte allestito al piano terra della storica dimora brianzola. Per due domeniche – il 16 e il 23 settembre – Villa Greppi apre i cancelli al pubblico e dà vita a un ricco calendario di appuntamenti: un’occasione, quindi, per visitare e conoscere meglio la villa neoclassica costruita all’inizio del XIX secolo e per volere del Conte Giacomo Greppi e oggetto, negli ultimi mesi, di numerosi interventi di restauro e per lasciarsi contemporaneamente intrattenere dai numerosi eventi. Promosse in occasione  di Ville Aperte in Brianza – l’iniziativa di cui vi abbiamo già parlato e che ogni anno permette ai visitatori di andare alla scoperta del patrimonio storico e artistico brianzolo – le due giornate saranno anche caratterizzate, come anticipato, dall’apertura dell’atelier d’arte creato nell’ambito del progetto Residenze d’artista (qui il nostro articolo): accompagnati dagli artisti vincitori del bando Leonardo Prencipe e Federica Ferzoco, i presenti potranno infatti visionare le opere realizzate in questi mesi.

Opera di Roberto Picchi

Andando con ordine, in programma per la prima delle due domeniche (oltre alle visite guidate agli interni della Villa, fissate ogni ora dalle 9.30 alle 11.30 e dalle 14 alle 17. Costo 4 euro, durata 45 minuti) la presentazione dell’installazione artistica realizzata da Roberto Picchi e fissata per le 11 nel Sottogranaio della Villa: «segnalato dalla Commissione scientifica del progetto Residenze d’artista – spiegano dal Consorzio Brianteo Villa Greppi – Roberto Picchi propone un’opera  dall’evocativo titolo di Rivivere e che ben si presta alla relazione con la Villa e il suo splendido parco, suggerendo una riflessione importante sul tema dell’ambiente e, in particolare, sul sempre più allarmante consumo di carta. Nei suggestivi spazi del Sottogranaio, Picchi ha ricreato un ambiente naturale “ove il tempo e lo spazio paiono sospesi e la presenza dell’uomo incombe sul paesaggio incontaminato”».

Appuntamento con Caffeine – Incontri con la danza, poi, alle 18: il festival dell’associazione Piccoli Idilli (qui il nostro articolo di presentazione) apre proprio nel parco di Villa Greppi con due spettacoli. Si tratta di  Trans-fèrre: urto elastico tra corpi rigidi di e con Sofia Casprini e Martina Monaco, esperimento coreografico che intende studiare il meccanismo fisico del pendolo di Newton, strumento che analizza il trasferimento energetico tra due corpi che subiscono un urto. Una riflessione, quindi, sull’istinto umano di trasferire la propria energia, condividendola e creando una rete di scambio tra gli individui. Subito dopo toccherà a Forlorn di e con Matteo Sacco, spettacolo che ha per protagonista Forlorn, fanciullino che abita un universo in cui corpo e spazio diventano anarchici interlocutori delle sue farneticanti domande.

Dopo una settimana di pausa, domenica 23 si riparte con un nuovo cartellone di eventi, che alle visite alla Villa aggiungerà anche quelle al Parco (queste ultime in programma alle 9, alle 10.15, alle 14.45 e alle 17. Biglietto 4 euro). Accompagnati dall’agronomo del Consorzio Villa Greppi, il dottor Elia Galbusera, si andrà alla scoperta degli esemplari presenti in un Parco che ad oggi è il più esteso fra quelli di proprietà pubblica dell’intera Provincia di Lecco. Alle 16.30 si prosegue, poi, con la presentazione del libro Tullo Massarani. Protagonista dell’Unità d’Italia di Marco Giuseppe Longoni: un evento che vedrà la partecipazione anche dello storico e docente Marco Sanpietro e che «sarà occasione – anticipano sempre dal Consorzio – per comprendere meglio il pensiero politico, letterario e artistico di un uomo che è stato patriota e senatore italiano».

Mostra fotografica dell’Istituto A. Greppi

Infine una mostra: allestita nel Sottogranaio di Villa Greppi e visitabile dalle 9,30 alle 13 e dalle 14 alle 18, l’esposizione raccoglie le fotografie scattate dagli alunni dell’Istituto Greppi sotto la supervisione della prof. Isabella Bettinelli e rappresenta la conclusione di un progetto che ha visto alcuni degli studenti della Scuola partire dall’analisi del concetto di figura/sfondo legato alla Comunicazione Visiva per realizzare una serie di scatti in grado di concretizzare proprio l’idea di ambiguità percettiva e fusione tra soggetto e contesto.

Share.

L'autore di questo articolo